I Schweizer Kleinmeister della collezione Gugelmann

Per molto tempo, anche in Europa viaggiare è stato un privilegio di pochi. Nella seconda metà del Seicento, si diffuse presso l’aristocrazia europea il classico viaggio culturale, o grand tour, tradizione poi seguita anche dall’alta borghesia a partire dalla seconda metà del Settecento. Fu in questo periodo che i Kleinmeister svizzeri iniziarono a immortalare in disegni, acquerelli e dipinti ad olio paesaggi elvetici e scene quotidiane tipiche, vendendo in seguito le loro opere in originale o riprodotte in stampe ai viaggiatori di passaggio.

Nel 1982 Annemarie Gugelmann cedette alla Biblioteca nazionale la sua collezione dei cosiddetti Schweizer Kleinmeister, che aveva costituito insieme al fratello Rudolf. Si tratta di una delle donazioni più preziose mai ricevute dalla Biblioteca nazionale. Da allora la collezione Gugelmann, oltre ad essere conservata con cura, viene continuamente ampliata con nuove acquisizioni e le opere vengono digitalizzate per essere rese accessibili al pubblico. Vi proponiamo due gallerie di immagini.

Galleria